Valle Del SaccoToday

Colleferro - Valmontone, su via Casilina basta un pò di ghiaccio e le buche diventano crateri

E’ bastato qualche giorno di freddo intenso con gelate notturne a go go e temperature sotto le zero termico di diversi gradi affinchè le strade delle zone a sud di Roma ed in

strada buche

E’ bastato qualche giorno di freddo intenso con gelate notturne a go go e temperature sotto le zero termico di diversi gradi affinchè le strade delle zone a sud di Roma ed in

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

particolare la trafficatissima via Casilina tornasse ad essere un colabrodo pieno di buche ed a tratti veramente pericolosa, soprattutto nel tratto che va da Valmontone a Colleferro a doppia carreggiata davanti la zona industriale di quest’ultima città. Da qualche giorno sono riapparsi, come per miracolo, dei fossi giganteschi da una parte in direzione Colleferro, subito dopo la chiesetta appena ristrutturata e dall’altra all’ingresso (davanti) il bivio della zona industriale in un pezzetto dove l’asfalto si rompe di continuo. Questa situazione sta creando in rete polemiche a non finire perché non si capisce bene da chi sia gestito questo tratto. In teoria dovrebbe essere l’Astral a gestirlo in quanto si tratta di una strada regionale che però diventa di gestione comunale nei tratti in cui ci sono delle realtà produttive o degli insediamenti urbani. I cittadini sono veramente stanchi di questa situazione e chiedono l’intervento di qualcuno per sistemare il manto di asfalto prima di distruggere le auto. Il problema è che le “toppe” di asfalto buttate con le pale dagli operai nei giorni di sole successivi al maltempo durano il tempo di una birra e dopo qualche acquazzone o, appunto, del ghiaccio si è di nuovo alla stesso punto di prima. E’ necessario un intervento radicale e per farlo ci vorrebbero dei fondi che però al momento non si vedono e gli automobilisti sono costretti a continuare a fare gli slalom per evitare di rompere sospensioni o cerchi e pneumatici della propria auto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giudice di Pace di Frosinone annulla le multe emesse durante la quarantena

  • Violento scontro su Via Casilina tra bus e Fiat 500, muore Fabrizio Cibba (foto)

  • Il messaggio che mette paura: “attenzione, c’è una grossa Anaconda nel fiume”

  • La palpeggia e, dopo il "no", le spacca il setto nasale e va al bar: arrestato 44enne marocchino

  • Coronavirus, ecco come si è arrivati ai cinque nuovi positivi, dopo il periodo 'Covid free'

  • Valmontone, la banca gli chiede 14 mila euro, lui si oppone e vince una causa con 18 mila euro di risarcimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento