Valle Del SaccoToday

Labico, obbligo di firma in caserma per i quattro della rissa in piazza Mazzini

Il tutto era scaturito per futili motivi. I quattro erano stati trovati in evidente stato di ubriachezza e dalle parole erano passati alle vie di fatto.

A distanza di qualche giorno la giustizia ha fatto il suo corso e i quattro che si sono resi “protagonisti” di una rissa nella centralissima Piazza Mazzini a Labico (nei pressi del semaforo di Via Caslina) sono stati sottoposti all’obbligo di firma in Caserma.

L'intervento dei carabinieri

I quattro con un’età compresa tra i 19 ed i 47 anni erano stati arrestati dai carabinieri della Stazione di Valmontone e dell’Aliquota Radiomobile di Colleferro che erano intervenuti per calmare gli animi. I Carabinieri, giunti sul posto, li hanno bloccati mentre erano ancora intenti a colpirsi violentemente con calci e pugni. Una volta riportata la calma, gli arrestati sono dovuti ricorrere alle cure mediche nel pronto soccorso degli ospedali di Colleferro e Palestrina  per le lesioni riportate.  

I futili motivi

Il tutto era scaturito per futili motivi, ma i quattro erano stati trovati in evidente stato di ubriachezza, i quattro, all’esterno di un bar del centro cittadino, dalle parole sono passati alle vie di fatto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le mappe del contagio: positivi e deceduti dei Comuni in provincia di Frosinone

  • Coronavirus, la nuova mappa del contagio ridisegnata dalla Prefettura di Frosinone

  • Alatri, tragedia a Tecchiena: scoppia bombola di gas e muore un anziano. Identificata la vittima

  • Sesso in strada durante la quarantena, ragazza ciociara beccata e denunciata

  • Coronavirus, muore dopo essere guarito dal Covid-19

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento