Valle Del SaccoToday

Ruba motoseghe a Rieti e si nasconde a Labico

L'uomo è stato arrestato insieme ad un suo "collega" di Roma ed è finito in carcere

Da tempo passava a prendere il suo “socio” di lavoro a Roma ed insieme si dirigevano nell’entro terra dei paesini in provincia di Rieti nel nord del Lazio per effettuare furti di mezzi ed attrezzature agricole. Stiamo parlando di un 49enne originario della Capitale ma residente a Labico che nelle ore scorso è stato arrestato insieme ad un altro uomo del 54 residente nella zona di Roma Alessandrino dai carabinieri che hanno dato esecuzione ad un provvedimento del tribunale di Rieti. Il provvedimento è stato emesso dall’Autorità Giudiziaria a conclusione di un’articolata attività d’indagine avviata nei primi mesi del 2019 e coordinata dalla Procura della Repubblica di Rieti.

Nei primi mesi dell’anno, infatti, in alcuni comuni della Provincia di Rieti, in particolare Casaprota, si verificarono alcuni furti all’interno di abitazioni rurali e rimesse. Nella circostanza destinatari delle attenzioni dei malviventi furono attrezzi agricoli ed in particolar modo motoseghe.

Le indagini sono state fin da subito indirizzate su due soggetti entrambi residenti nella capitale, ed entrambi gravati da alcuni precedenti di polizia, dei quali era stata accertata la presenza nel Comune di Casaprota la notte in cui furono perpetrati i furti.

L’attività investigativa, anche grazie all’attenta analisi dei sistemi di videosorveglianza installati da alcuni comuni, ha consentito di ricostruire gli spostamenti dei due soggetti che, nottetempo, partendo da Roma, penetravano nel territorio reatino spingendosi fino alla provincia de L’Aquila.

Approfittando della notte, i due si introducevano all’interno di abitazioni di campagna o seconde case, asportando motoseghe, decespugliatori, carburante e altri attrezzi agricoli, che si ipotizza siano stati oggetto di successiva ricettazione. I due sono sospettati anche di essere responsabili di un furto di armi da caccia perpetrato nel comune di Barete (AQ), in un’abitazione al momento del fatto non occupata dai proprietari.

I militari della Stazione Carabinieri di Poggio San Lorenzo hanno potuto accertare il coinvolgimento dei due, complessivamente, in 20 furti in abitazione consumati nei comuni di Casaprota, Rocca Sinibalda, Posta, Micigliano, Castel Sant’Angelo, Cittareale e Barete (AQ), nei quali sono stati asportati beni vari arrecando danni di diverse migliaia di euro.

Non è escluso che altri furti possano essere stati commessi dai due arrestati, sebbene non denunciati dalle vittime. I militari hanno rintracciato i due, da qualche tempo ricercati, uno nel comune di Labico (RM) e uno nella zona di Roma Alessandrina dove sono stati catturati anche con il supporto delle Stazioni Carabinieri di Roma Tor Tre Teste e Labico.

I due, dopo l’arresto, sono stati tradotti presso le case circondariali di Roma Regina Coeli e Velletri, dove rimarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Fuori in permesso, non fa ritorno al carcere di Frosinone. Ricercato un pericoloso detenuto

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

  • Maltempo, dopo la pioggia è il forte vento a fare danni in Ciociaria. A Cassino grosso albero cade su via Casilina (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento