Valle Del SaccoToday

Rifiuti, il Mov. Rifiutiamoli pronto alle nuove barricate contro il mega impianto di Colleferro

Dopo l’approvazione in giunta regionale del nuovo piano dei rifiuti si preannuncia un’altra calda stagione di veementi proteste

La Giunta della Regione Lazio nei giorni scorsi ha deliberato il nuovo Piano rifiuti, ora ci saranno i passaggi delle osservazioni pubbliche e l’avallo del Consiglio regionale per la conseguente adozione. Una decisione che come era ovvio e scontato inizia a provocare le prime reazioni negative.

Le mani su Colleferro

“Finora il piano vigente era quello della Giunta Polverini del 2012 – spiegano i rappresentanti del Mov. Rifiutiamoli -, un ritardo di due anni, visto che il Piano rifiuti ha durata quinquennale. Avendo al momento a disposizione solamente le dichiarazioni, peraltro già anticipate a più riprese dai soggetti decisori, possiamo certificare che la Giunta Zingaretti mette di nuovo le mani su Colleferro con un polo impiantistico del conferimento e trattamento, elemento cardine per far quadrare i numeri.

500 mila tonnellate annue di rifiuti indifferenziati

Si ribadisce la necessità di un impianto da 500mila tonn/anno, di cui ancora non si hanno notizie sulla tecnologia, si presume per il trattamento del rifiuto indifferenziato. Si anticipa che a settembre partirà il bando di gara per la costruzione di tale impianto che si concluderà nel 2021 e che contestualmente si procederà con la dismissione delle quote di Lazio Ambiente SpA. Non si dice che si preferisce lasciare spazio ai privati su una questione molto delicata, piuttosto che favorire la posizione del neo Consorzio Pubblico Minerva, con una impiantistica magari da rivedere, ma funzionale per i Comuni consorziati, quindi con un impatto di gran lunga minore rispetto a quanto prospettato dall’alto. Si dice, infine, che verrà realizzato a Colleferro come riconversione degli impianti di incenerimento.

Si dice basta, o meglio si è deciso BASTA.

Il movimento Rifiutiamoli ha già espresso la propria contrarietà ad un impianto di tali dimensioni, ha chiesto ufficialmente all’assessore ai Rifiuti Massimiliano Valeriani un incontro pubblico a Colleferro sul tema, non ricevendo alcuna risposta. Si desume che la Regione Lazio non abbia alcuna intenzione di parlare con il territorio Valle del Sacco e che preferisca la scrittura alla parola.

Carissimi decisori politici non funziona più così, il tempo delle imposizioni dall’alto, almeno dalle nostre parti, è terminato. Rifiutiamoli tornerà a breve nelle piazze e in strada richiamando l’attenzione pubblica di chi ritiene che si debba contrastare questa ipotesi di una nuova ‘Città della monnezza’, in un contesto, quello della Valle del Sacco, già notevolmente compromesso dall’imperversare di indagini, sequestri, incendi che riguardano casualmente tutti il ciclo dei rifiuti. Come movimento la nostra è una posizione netta, ci attendiamo una voce altrettanto netta anche da parte delle amministrazioni comunali locali, nel Consorzio Minerva e non, che hanno dato il loro contributo alla dismissione degli inceneritori di Colleferro.

L’appello

Rivolgiamo l’appello anche ai consiglieri regionali affinché il passaggio istituzionale d’obbligo in Consiglio possa diventare un serio momento di coinvolgimento e discussione con i soggetti direttamente interessati: i cittadini.

Le prossime assemblee

I primi appuntamenti in assemblee pubbliche sono per il 23 e 30 di agosto in Piazza Italia a Colleferro alle ore 21; in questo contesto decideremo insieme le decisioni da prendere come comunità valle del Sacco.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Ecco il primo Burger King a Frosinone, apertura entro fine novembre

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

  • Cassino, è Antonio Pecchia il disabile trovato morto in casa (foto e video)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento