Valle Del SaccoToday

Colleferro, prime discrepanze tra Sanna e la Regione sulle tonnellate di rifiuti dei nuovi impianti di trattamento del Fos

Questo quanto emerso nei giorni durante un incontro pubblico nel quale il primo cittadino ha risposto alle domande del pubblico

Prime discrepanze tra il sindaco Sanna e la linea regionale del Presidente Zingaretti sulla costruzione del nuovo impianto per la lavorazione del Fos ovvero degli scarti dei TMB che verrà costruito a Colleferro al posto degli attuali inceneritori. Nelle ore scorse in un incontro pubblico il primo cittadino ha detto chiaramente che 500 mila tonnellate sono inaccettabili.

"Ho già detto all'assessore Valeriani che su quella dichiarazione dell'impianto che la Regione vuole costruire a Colleferro c'è la necessità impellente di un confronto con un territorio che ha vinto la battaglia della chiusura degli inceneritori e che si sta organizzando in maniera diversa rispetto a quanto ci è stato lasciato da Lazio Ambiente, con un'impiantistica in linea con le esigenze del territorio.

È chiaro che 500mila tonnellate sono inaccettabili. La Regione Lazio, in maniera meno arrogante di come ha fatto negli ultimi vent'anni, deve venire qui e sedersi di fronte a tutti i cittadini per spiegare che cos'è questo impianto". Cosi' il sindaco di Colleferro, Pierluigi Sanna, nel corso dell'incontro pubblico 'La questione romana' organizzato dal movimento Rifiutiamoli nella sala Konver della cittadina in provincia di Roma e riportato dall’agenzia Dire.

"La Regione ha fatto una dichiarazione senza soppesarla, secondo me più per motivi amministrativo-contabili che per motivi tecnici- ha aggiunto Sanna, incalzato dalle domande degli organizzatori- Le linee guida per me sono chiacchiere e non mi preoccupano, mi preoccupa il Piano Rifiuti. È da qui al Piano Rifiuti che dobbiamo prendere le dovute precauzioni".

La chiusura della discarica

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi è tornato ancora una volta sulla discarica di Colle Fagiolara, ha assicurato: "Concluderà la sua vita in conclusione del contratto in essere, cioè il 31 dicembre 2019. C'è stato uno stanziamento dei primi 2 milioni di euro per l'accantonamento pluriennale sul bilancio della Regione per il post-mortem, l'amministrazione comunale ha chiesto che vengano impegnati e spesi non oltre il 31 dicembre 2019". Confermata la possibilità di una visita in discarica "per comprendere come avverrà la chiusura", aperta a associazioni e comitati "non appena arriverà l'ok di Fortini (presidente Lazio Ambiente, ndr)". Gli inceneritori, ribadisce il primo cittadino, "vanno demoliti, il sito bonificato e restituito alla comunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Manette troppo strette: due agenti di Polizia penitenziaria a processo per lesioni contro un recluso

  • Ciclista ciociaro muore lungo la strada per Forca d'Acero

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento