Valle Del SaccoToday

Colleferro, “dove sono i soldi per chiudere la discarica e per il post mortem?”

Questa la domanda che si pongono gli esponenti del Comitato Residenti dopo la notizia di qualche giorno fa sulla messa a dimora delle piante da parte di Lazio Ambiente

Il tema della chiusura della discarica di Colle Fagiolara è sempre al centro del dibattito politico e sociale a Colleferro e nelle zone tra le province di Roma e Frosinone. La dichiarazione di Sanna di qualche giorno fa con la richiesta da parte di Lazio Ambiente (la società regionale che gestisce la discarica) di iniziare la messa a dimora delle piante per la bonifica dell’area ha provocato diverse reazioni e c’è chi ha parlato di derisione.

Il commento del comitato residenti

In una nota i rappresentanti del Comitato Residenti di Colleferro vedono questa operazione come fumo negli occhi dei cittadini perché ancora mancano gli atti ufficiali per avviare la completa procedura di chiusura del plesso: “Non avete mai amato questa terra e la offendete tutti i giorni con la disinformazione e godendo degli introiti del ristoro ambientale. A noi resta la certezza – si legga appunto in un messaggio del Comitato Residenti - che, nella vostra indifferenza, stiamo soffrendo, come gli animali e gli alberi della Selva.

Pubblicizzare la piantumazione, in questo momento, rasenta il ridicolo e suona come una derisione. Alla Regione Lazio e al Comune di Colleferro abbiamo chiesto copia del Piano di chiusura di Colle Fagiolara e del Piano di gestione post mortem approvati. Diteci piuttosto dove sono le garanzie e le risorse economiche per i costi di mantenimento del sito per i prossimi 30 anni. La Corte dei conti ci dirà a che titolo Lazio Ambiente spa gestore dell’impianto ha ricevuto 2 milioni di euro a valere sul bilancio della Regione Lazio. 

La situazione che rappresentate è allo stato poco comprensibile e anomala.  Il piano di riordino del 2006, di 13 anni fa, presenta condizioni geometriche e ambientali diverse da oggi. Ma il Piano di riordino come il capping non sono il Piano di chiusura! Le attività che state svolgendo sono quelle previste nel rinnovo dell’AIA del 2017”.

Potrebbe interessarti

  • Piscine all'aperto a Frosinone e provincia: orari, costi e giorni di apertura

  • Sospensione del servizio idrico prevista per martedì: le zone interessate di Frosinone e dei comuni ciociari

  • In tremila per i 25 anni di Nuovi Orizzonti e Papa Francesco telefona in diretta

  • Ecco come funzionano le fototrappole. Elevate le prime multe agli "sporcaccioni" fino a 500 euro

I più letti della settimana

  • Trovato morto nel fiume Liri Piero Pallagrossi

  • Fiuggi, duro colpo allo spaccio in centro. In 6 beccati con oltre 15 kg di droga (video)

  • Cassino-Sant’Andrea, presa la banda di spacciatori di eroina. Tra gli arrestati lo Spagnolo ed Attila

  • Rifiuti, arrestati i titolari della 'Tac Ecologica'. A Piglio sequestrato il centro di trasferenza

  • Valmontone, 42enne del posto trovata morta nel giardino di casa

  • Ferentino, Elisa Ciotti uccisa a martellate dal marito aveva origini ciociare

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento