Valle Del SaccoToday

Colleferro, al via la bonifica per la chiusura definitiva della discarica di Colle Fagiolara

Dopo anni di annunci e di parole al vento, un primo atto concreto che potrebbe far cambiare il volto all'intera zona

Un momento che tutti gli abitanti delle zone a sud di Roma e del nord della Ciociaria attendevano da molto, troppo, tempo. Entro un mese inizieranno le operazioni propedeutiche per la chiusura della discarica di Colle Fagiolara posta nel comune di Colleferro ma ai confini con quel che resta della Selva di Paliano e di fronte alla mega area scelta da Amazon per la creazione del più grande centro di stoccaggio del centro sud Italia con i lavori che sono iniziati da qualche giorno.

La richiesta di Lazio Ambiente

In pratica nelle ore scorse Lazio Ambiente regionale che gestisce la discarica colleferrina ha fatto richiesta al comune per la piantumazione di alberi, siepi e vegetazione per recuperare in toto quest’area. Un’operazione che precede quella del capping con la quale come detto più volte dall’assessore Calamita la discarica sarà messa in sicurezza e chiusa del tutto predisponendo le basi per la crescita successiva di vegetazione naturale.

Gli anni degli annunci

Dopo tanti annunci che negli ultimi 10 anni si sono susseguiti sulla chiusura effettiva della discarica che materialmente ci sarà il 31 dicembre questo della piantumazione delle piante (tiglio) è un primo passo concreto. Dopo questa piantumazione verrà scaricata della terra per ricreare un sub strato ottimale. Operazione questa che andrà avanti per anni e quindi con il sito già chiuso.

La soddisfazione di Sanna

“Inizia il post mortem della discarica 9 mesi prima della chiusura definitiva. Qualcuno – spiega il primo cittadino su Fb - fa le chiacchiere e noi i fatti! A seguito dello stanziamento e la conseguente erogazione da parte della Regione Lazio dei 2'000'000€ per l'inizio del capping della parte vecchia della discarica oggi Lazio Ambiente ci ha chiesto di individuare le alberature da porre a dimora in discarica. Cercheremo, come amministrazione, specie autoctone capaci di assorbire gli inquinanti avviando un percorso che trova nel fitorimedio una tecnica chiave per il ripristino ambientale della discarica di Colle Fagiolara. Ringraziamo, assieme all'assessore Giulio Calamita ed ai nostri uffici, il Presidente Daniele Fortini per questo primo importante passo da attuare subito”.

Bene cosi, avanti su questa strada ma speriamo solo che dopo le elezioni amministrative del 2020 non ricreino i presupposti, soprattutto a livello regionale, per continuare a utilizzare una discarica oramai chiusa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Marco Luccarelli è scomparso da una settimana. L'appello del padre: "aiutatemi a ritrovare mio figlio"

  • La moglie muore in ospedale, il marito indagato per maltrattamenti e lesioni

  • Sanità, addio codice rosso nei Pronto Soccorso. Dal 2020 i numeri sostituiranno i colori

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento