Valle Del SaccoToday

Artena, Sindaco e sindacati ai ferri corti. Il primo cittadino replica alle accuse: “non c’è stata nessuna aggressione”

I rappresentanti della Cgil avevano criticato la scelta di non concedere una stanza per i loro incontro

Si accendono gli animi tra i lunghi corridoi degli uffici comunali di Artena. Solo qualche ora fa era arrivato il comunicato della Cgil che portava un duro attacco al sindaco per la mancata concessione di un posto dove riunirsi con i rappresentanti sindacali che avevano annunciato il ricorso alla vie legali. La replica del primo cittadino  non si è fatta, però, attendere con Angelini che cerca di spiegare come sono andate le cose dal suo punto di vista rispedendo le accuse al mittente.

La replica

“In riferimento al comunicato stampa della CGIL – Funzione Pubblica – spiega il primo cittadino Angelini - mi corre l’obbligo di precisare quanto segue: intanto spiace constatare che il Sindacato, al quale peraltro sono stato per molti anni personalmente iscritto, assuma atteggiamenti e toni del tutto estranei alla storia di questa organizzazione. A mia memoria infatti non è mai accaduto che vi fossero comunicati così pieni di insulti di offese e di falsità nei confronti di una persona. Nel caso particolare il sottoscritto non ha messo in atto nessuna aggressione nei confronti di chicchessia né ha mai assunto decisioni che si pongano al di fuori della legge e l’unica allergia, che purtroppo mi persegue, è quella della parietaria. In tutta la mia vita e, da ultimo in modo particolare, ho sempre rispettato, con atti concreti e non a chiacchiere, i diritti e le prerogative dei lavoratori e dei loro rappresentati.

Accuse infondate

Non posso quindi in alcun modo tollerare l’accusa di aver ritardato il processo di rielezione dei rappresentanti sindacali per il semplice motivo che il Sindaco e la Giunta non hanno alcuna competenza specifica in questa materia. Al contrario l’amministrazione ha accettato in toto sia gli orari sia i giorni che il luogo scelto dalle organizzazioni sindacali ed ha mostrato la stessa disponibilità anche nel secondo appuntamento che per i noti motivi, non certo addebitabili a questa amministrazione, ha reso necessario, fatto peraltro straordinario e grave, una seconda tornata elettorale per l’elezione degli organismi di rappresentanza.

Gli atti concreti

Con concreti atti deliberativi questa amministrazione può vantarsi di aver migliorato le condizioni dei lavoratori assumendo decisioni, peraltro assolutamente non obbligatorie, quali: le progressioni orizzontali, l’incremento delle ore nonché l’accoglimento delle svariate richieste di mobilità dei dipendenti affinché gli stessi avessero la possibilità di effettuare un percorso di crescita professionale. Voglio cogliere l’occasione per ribadire che la scelta ultima di destinare le esigue risorse, di cui purtroppo disponiamo, per l’aumento delle ore per alcuni servizi, sono state adottate sulla scorta di indicazioni da parte dei Responsabili dei settori interessati, e riguardanti uffici di estrema delicatezza e di forte impatto per i cittadini quali appunto il Servizio Vigili Urbani e del Poliambulatorio Sanitario.

Richieste strumentali

Mi spiace, da ultimo, non aver potuto soddisfare la specifica richiesta, che ha dato la stura al farneticante comunicato, che mi è stata presentata per l’utilizzo di uno spazio da poter utilizzare per lo svolgimento dei lavori congressuali per gli iscritti CGIL di Artena, Valmontone e Labico. Mi sorprende negativamente che oggi veniamo offesi ed insultati per non aver concesso la disponibilità di una sala senza considerare il fatto che questa amministrazione ha sempre assentito, in tutti questi anni, a tutte le altre richieste della CGIL di spazi per le loro manifestazioni e riunioni senza ricevere nessun ringraziamento. Fatto che dimostra in modo plastico la strumentalità di tutta questa triste vicenda.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Marco Luccarelli è scomparso da una settimana. L'appello del padre: "aiutatemi a ritrovare mio figlio"

  • La moglie muore in ospedale, il marito indagato per maltrattamenti e lesioni

  • “Vivo con le volpi dentro casa”. Con i lavori al polo logistico colleferrino gli animali scappano in cerca di cibo (video)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento