Valle Del SaccoToday

Paliano, l'emozione dell'attraversamento della Porta Santa della Misericordia alla Selva

Migliaia di persone hanno attraversato la "Porta Santa della misericordia nella creazione e nell’ambiente", alla Selva, proprietà di Emanuela Nicoli,  porta che è stata aperta da due Vescovi Mons. Domenico Sigalini (vescovo di Palestrina)  e...

 

Migliaia di persone hanno attraversato la "Porta Santa della misericordia nella creazione e nell’ambiente", alla Selva, proprietà di Emanuela Nicoli, porta che è stata aperta da due Vescovi Mons. Domenico Sigalini (vescovo di Palestrina) e Mons. Vincenzo Apicella ( vescovo di Velletri Segni) e da tutto il clero della Diocesi di Palestrina. Alla cerimonia le autorità provinciali a cominciare dal Prefetto di Frosinone Dott.ssa Emilia Zarrilli, il Questore di Frosinone dott Filippo Santarelli, il Comandante Provinciale dei carabinieri Col. Giuseppe Tuccio, il presidente della Provincia Avv. Antonio Pompeo, i sindaci di Paliano, Colleferro, Anagni,Piglio, Serrone, Lariano, Segni, l’On. Renzo Carella, alcuni assessori delegati da altri paesi e dalla moltitudine di persone che sono volute essere presenti a questo unico ed esclusivo evento mondiale dell’apertura di una porta “nella bellezza della creazione del Signore” .

E’ stata questa l’occasione per il Vescovo di Palestrina di annunciare che la Porta Santa, sapientemente dipinta dalla Sig.ra Pini di Colleferro, rispettando il dettato dell’enciclica “Laudato Sii” di Papa Francesco, sarà aperta tutte le domeniche a mezzogiorno in modo che chi non ha potuto fare oggi l’attraversamento, lo possa fare nelle domeniche seguenti ed ottenere tutti gli effetti benefici, partecipando prima alla Santa Messa e poi facendo tutti gli atti di penitenza per liberarsi da tutti i peccati commessi.

E tanto per restare in tema ambientale è stato molto significativo il lancio delle Farfalle ad opera dell’azienda di Donatella Di Cola, al passaggio dei due vescovi, dopo l’attraversamento della porta.

Molto interessante la mostra dei quadri della via Crucis, realizzati sempre dalla Pini, prima di arrivare all’altare realizzato con cura dalla famiglia Nicoli.

Nell’omelia il vescovo ha ringraziato quanti hanno collaborato, ma soprattutto i “contadini che non si smentiscono mai per il loro impegno” ed ha ricordato che si è voluta aprire questa porta per salvaguardare anche il vicino fiume Sacco, perché l’acqua, creatura di Dio deve restare come Dio l’ha creata.

Poi gli interventi troppo politici del Sindaco Alfieri che tra l’altro ha detto che è una “manifestazione che parla alle coscienze di tutti noi” e soprattutto dell’Assessore all’ambiente Buschini sapientemente ripresi da sua eccellenza il Prefetto, perché costoro non sanno cos’è la moderazione politica in certi momenti. Il prefetto ha concluso il suo intervento richiamando i politici affinché “dopo le parole, facciano seguire i fatti”. Simpatico l’intervento di Manfredi Berucci Massimi, uno dei protagonisti della creazione della Selva, che ha portato i saluti di Don Antonello Ruffo di Calabria (ricoverato per motivi di salute) che si sarebbe detto molto soddisfatto di quanto accaduto oggi.

Simpatico il contorno della manifestazione con il coro della Diocesi di Palestrina, che ha reso più solenne l’evento, la banda città di Paliano, e il gruppo Folkloristico degli Hernicantus ed i cavalli schierati durante la Santa Messa a significare ancora di più il valore del creato; presenti anche i volontari della protezione civile della zona.

Una giornata davvero memorabile che il comune, comunque, non ha saputo far propria e vedremo gli sviluppi politici locali nei prossimi giorni.

Giancarlo Flavi (servizio e foto). Video Filippo Rondinara

Video Popolari

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento