Valle Del SaccoToday

Frosinone,  incontro con i lavoratori della Marangoni Tyre presso la provincia

Si è tenuto oggi pomeriggio, nella Sala Consiglio del Palazzo della Provincia di Frosinone, l’incontro tra una rappresentanza dei lavoratori della Marangori Tyre di Anagni e alcuni rappresentanti della pubblica amministrazione per individuare le...

marangoni1

Si è tenuto oggi pomeriggio, nella Sala Consiglio del Palazzo della Provincia di Frosinone, l’incontro tra una rappresentanza dei lavoratori della Marangori Tyre di Anagni e alcuni rappresentanti della pubblica amministrazione per individuare le strategie da portare avanti per sbloccare la situazione dell’importante stabilimento anagnino e tentarne il salvataggio.

Presenti, oltre al Presidente della Provincia, Antonio Pompeo, il Sen. Francesco Scalia, il Vice Presidente della Provincia Andrea Amata, i Consigliere Danilo Magliocchetti anche in rappresentanza del Consigliere regionale Mario Abbruzzese, Valentina Calcagni in rappresentanza del Consigliere regionale Marino Fardelli che ha manifestato il pieno sostegno all’iniziativa di rilancio del sito industriale, i Sindaci di Anagni, Morolo e Paliano (Bassetta, Girolami e Alfieri).

Il Presidente Pompeo, dopo aver sommariamente descritto la situazione fino allo stato attuale ha aperto il dibattito per ascoltare le rappresentanze dei lavoratori e le rappresentanze sindacali.

“La Provincia di Frosinone – ha sostenuto Pompeo al termine della riunione – svolgerà il ruolo che le compete e si farà tramite delle istanze dei lavoratori facilitando come è possibile il dialogo presso gli Enti superiori. Non possiamo permetterci di perdere la possibilità di salvare una realtà industriale storica per il nostro territorio, specialmente laddove sono in atto manifestazioni di interesse di investitori. Daremo seguito alle comunicazioni presso il Ministero e la Regione che abbiamo già effettuato favorendo ulteriori incontri nelle sedi preposte”.

marangoni sala

“Le condizioni ci sono tutte affinché si addivenga a una soluzione per la Marangoni – ha sostenuto il Sen. Scalia -. Sappiamo che per una questione formale il sito industriale di Anagni non è rientrato nell’accordo di programma. Se esiste comunque un soggetto interessato a rilevare lo stabilimento e occorrono una decina di milioni per garantire l’equilibrio economico finanziario dell’operazione tesa al rilancio di questa importante realtà industriale non posso che essere ottimista circa un esito positivo della vicenda. Si consideri, infatti, che per sostenere la mobilità per i lavoratori Marangoni si dovranno impiegare circa 24 milioni di euro, cioè più del doppio di quanto occorre per rilanciarlo. L’interessamento del Ministro e della Presidenza della Regione, che ho potuto constatare personalmente dopo aver fatto presente l’importanza della vertenza in atto per il sito industriale anagnino, mi lasciano ben sperare. Dal Ministero in tempi solleciti dovrebbero riconvocare il tavolo. Lo strumento che si potrebbe utilizzare è il Contratto di sviluppo, certamente possibile in questo caso”.

“E’ fondamentale non disperdere il grande patrimonio professionale che si è consolidato negli anni presso il sito produttivo della Marangoni – ha sostenuto il Vice Presidente Amata -, così come dobbiamo intraprendere iniziative concrete per il recupero umano e sociale di circa quattrocento famiglie investite dalla crisi industriale. Pertanto, così come il Governo nazionale è intervenuto direttamente per salvaguardare i livelli occupazionali della Bridgstone di Bari, di Alitalia e dell’Ilva di Taranto, il territorio della provincia rivendica la medesima attenzione per il rilancio dell’area industriale dotata di potenzialità di sviluppo”.

“E’ molto importante - ha sostenuto Magliocchetti - il passaggio presso il Ministero dello Sviluppo Economico, per constatare la concretezza della proposta e la solidità dell’imprenditore estero che ha avanzato l’interessamento per lo stabilimento anagnino. Importante è anche vagliare il piano industriale di rilancio per evitare esperienze negative già vissute come, per esempio, quella della Videocon. Inoltre è molto importante sapere quanti lavoratori sarebbero ricollocati dall’iniziativa di rilancio”.

marangoni sala1

TRASPORTO STUDENTI IN PALESTRA, IL PRESIDENTE POMPEO: “ASSICURATO FINO AL TERMINE DELL’ANNO SCOLASTICO. DOPO L’ASSISTENZA AI DISABILI, ALTRO SERVIZIO GARANTITO”

Dopo aver garantito l’assistenza specialistica ai ragazzi disabili, la Provincia di Frosinone assicura anche il trasporto in palestra per gli studenti di istituti superiori privi di spazi interni per le attività di educazione fisica e che necessitano di spostamenti in diversa sede.

Ad annunciarlo, con una lettera inviata ai dirigenti scolastici delle scuole interessate, il Presidente della Provincia Antonio Pompeo, con la fattiva collaborazione del consigliere con delega alla Programmazione in materia di istruzione secondaria, Germano Caperna.

“Gentile dirigente – scrive Pompeo nella lettera – a far data dal prossimo 2 marzo e fino al termine dell’anno scolastico, abbiamo provveduto a garantire il trasporto in palestra per gli studenti”.

“Pur nelle difficoltà finanziarie che vive l’Ente, interessato da un processo di riforma in atto, questa Amministrazione, che si è insediata solo lo scorso ottobre, ha comunque voluto garantire il servizio attraverso un importante sforzo di natura economica e gestionale, ritenendo di fondamentale importanza la tutela di un diritto assoluto come quello allo studio”.

“Si tratta di un ulteriore obiettivo raggiunto – hanno commentato Pompeo e Caperna – dopo il servizio di assistenza ai ragazzi disabili, ora la continuità del trasporto in palestra. Due provvedimenti che danno risposte al mondo della scuola, ai nostri ragazzi, anche a quelli in difficoltà e alle loro famiglie”.

“Possono sembrare risultati minimi a chi non conosce la situazione della macchina amministrativa provinciale, a chi non si rende conto di cosa vuol dire governare un Ente nel pieno di un processo epocale di cambiamento, a chi si ostina semplicemente ad evidenziare le criticità”.

“A coloro invece, e sono la svariata maggioranza, - spiegano il Presidente Pompeo e il consigliere Caperna - che hanno ben chiaro il quadro normativo e finanziario in cui deve muoversi la Provincia di Frosinone attualmente, risultano obiettivi importantissimi, che ci offrono la volontà di continuare con forza a servire la nostra comunità”.

“Tali risultati – conclude il Presidente della Provincia Antonio Pompeo - aggiunti alle notizie e ai chiarimenti che a breve dovrebbero arrivare sui trasferimenti statati e regionali, sulle deleghe e le competenze, sulla definizione del processo di gestione degli esuberi, costituiscono la migliore risposta a chi continua ad indossare la maschera di Cassandra, dimenticando che il tempo del Carnevale è ormai passato da parecchi giorni e che occorrerebbe, al contrario, occuparsi dell’interesse dei cittadini, atteso che se ne abbia volontà e capacità”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Ecco il primo Burger King a Frosinone, apertura entro fine novembre

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento